fbpx

Bollette gas: dal 1° ottobre cambia tutto per 7 milioni di italiani.

Ci sono importanti novità che riguardano le bollette. Dal 1° ottobre, infatti, scattano diverse misure per tutelare gli italiani da ulteriori aumenti che potrebbero arrivare nei prossimi mesi. L'Arera ha fatto sapere che in quella data scatteranno infatti nuove modalità di aggiornamento del costo della materia prima gas e sarà anche aperto un tavolo emergenziale con le associazioni dei consumatori.

C’è da specificare che cambierà il modo di calcolare il prezzo del gas in bolletta solo per chi è in mercato tutelato. Obiettivo: schivare il più possibile i futuri aumenti dei costi e prepararsi a raccogliere i benefici dell’eventuale introduzione di un tetto al prezzo del gas a livello europeo.

L'aggiornamento dei prezzi sarà fatto su base mensile e non più trimestrale e riguarderà circa un terzo delle utenze domestiche cioè poco più di 7 milioni, questo è il numero di chi è ancora nelle condizioni di tutela. Il nuovo metodo sarà in vigore fino a gennaio 2023, in coincidenza con il termine previsto per la tutela gas, che, tuttavia, potrebbe essere differito fino a gennaio 2024, in allineamento con la fine della tutela per l'elettricità.

A partire da ottobre cambierà la componente Cmem, che esprime i costi di approvvigionamento del gas naturale nei mercati all’ingrosso, la quale sarà indicizzata al punto di scambio virtuale italiano e non più al Ttf olandese. In questo modo, si otterrà “l’allineamento alle quotazioni del prodotto day-ahead (prezzo che si forma giornalmente con riferimento al gas con consegna il giorno successivo al punto di scambio virtuale italiano) del mercato italiano del gas naturale”, scrive l’Autorità.

Con le nuove disposizioni sono anche introdotti specifici obblighi di trasparenza a carico dei venditori che dovranno notificare in bolletta eventuali ricalcoli di prezzo rispetto a quanto fatturato in precedenza e creare un'apposita sezione sul proprio sito internet per spiegare i motivi di eventuali aumenti e tutti i fattori di determinazione dei prezzi.

Due i vantaggi attesi. Il primo riguarda l’altalena dei prezzi. Anche se “non permette di intervenire strutturalmente sui livelli elevati dei prezzi di mercato”, la mossa fa sì che in bolletta non vengano trasferiti i costi di copertura del rischio. Perché si concretizzi il secondo vantaggio bisogna invece guardare cosa succederà in Europa nei prossimi mesi. Il nuovo meccanismo di formazione del prezzo permetterà di far calare subito la bolletta gas se l’UE introduce il tetto al prezzo del gas. Una misura – fortemente voluta dall’Italia – che è ancora allo studio.

Fonte: Rinnovabili.it

Articoli correlati

Recapiti

Site: www.tutorpointsrls.com
Mail: info@tutorpointsrls.com 
Pec: tutorpoint@flexipec.it

P.I. & C.F.: 14641581005
Indirizzo Sede legale e Operativa: VIA DEI SETTE METRI 107/I CAP 00118 - ROMA (RM)
REA N° RM-1535310 IVASS RUI N°E000598091

Orari

 Lunedì - Venerdì
 10.00 - 13.00
 14.30 - 16.30