fbpx

Blog

Carte di credito aziendali: pro e contro

Ogni azienda mira a diventare grande: quando grazie all’intuito, il lavoro sodo, un gruppo di lavoro valido, il successo arriva, ben presto, l’imprenditore si rende conto che la sua piccola impresa è ora una società.

Dopo aver raggiunto nuovi standard per il successo, ci saranno, di contro, anche una nuova serie di responsabilità. Ciò vale in particolare per le spese aziendali distribuite tra più membri del team.

Le spese possono essere più facili da gestire in una piccola impresa con meno dipendenti. Tuttavia, quando si dispone di diversi dipendenti chiave, è necessario un modo migliore per gestire la spesa aziendale. Le carte di credito aziendali sono un'opzione interessante per molte grandi aziende. Ma prima di richiederne uno, ecco alcune cose che dovrebbero essere considerate.

Vantaggi delle Carte di Credito Aziendali

Le carte di credito aziendali stanno diventando un'opzione popolare per le spese aziendali dei dipendenti. Molti si stanno muovendo verso transazioni senza contanti, optando in primis per le carte di credito/debito poiché offrono vantaggi unici e utili per le aziende moderne.

Spesa conveniente

La pandemia di COVID-19 ha spinto una parte considerevole della popolazione a rinunciare al contante. Le transazioni con carta di credito in tutto il mondo sono aumentate del 6% tra il 2019 e il 2020. In Italia dal 2014 al 2020 sono aumentate addirittura del 20%.

La polizza di Responsabilità Civile Professionale

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è una forma di copertura assicurativa che protegge il patrimonio del professionista dai rischi professionali connessi al normale svolgimento della propria attività. Dietro pagamento di un premio di polizza assicurativa annuo, la compagnia assicurativa garantisce il professionista dalle richieste di risarcimento presentate da terze parti danneggiate dall’operato dell’assicurato per errori, negligenze od omissioni durante l’esercizio della professione.

Con la legge del 13 agosto 2013 per la disciplina dell’esercizio delle professioni regolamentate da un apposito Albo nazionale, la sottoscrizione della polizza di Responsabilità Civile Professionale è diventata obbligatoria.

Chi deve sottoscrivere la polizza

Obbligo di fatturazione elettronica anche per i forfettari?

Il Consiglio Europeo, il 13 dicembre 2021, ha deliberato l’adozione della proposta italiana, approvata dal Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper) l’8 dicembre 2021 per rendere applicabile nell’ordinamento interno l’estensione della fatturazione elettronica ai contribuenti in regime forfettario.

 La piaga dell’evasione fiscale diventa sempre più ingombrante, per questo motivo il Ministero dell’Economia ha ben pensato di rafforzare l’obbligo della fatturazione elettronica includendo anche i forfettari. In realtà, per adesso, i forfettari possono ancora optare se servirsi della fatturazione elettronica, anche perché il MEF è impegnato a individuare le misure operative per il secondo trimestre 2022, seguendo le disposizioni previste dal PNRR, ed è invece indispensabile, per rendere attuabile l’obbligo anche per i forfettari, un provvedimento normativo ad hoc. 

Con questo provvedimento si rafforzerebbe le finalità di contrasto all’evasione fiscale, consentendo al Fisco di conoscere in maniera più puntuale il fatturato prodotto sul territorio nazionale, basti pensare che dall’entrata in regime della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019, è stato riconquistato un gettito IVA nella misura del 2,4% rapportato al 2018, per un valore complessivo di circa 3,5 miliardi di euro. Ecco, perché, si spinge a falciare la platea degli esonerati per recuperare un gettito IVA maggiore rispetto alle stime registrate nel 2019.

Cos’è il fintech? Uno sguardo approfondito alla nuova tecnologia finanziaria

L’industria fintech è diventata una delle scelte migliori per gli investitori, con il 47% di loro che desidera investire in essa dopo i servizi finanziari (76%).

Fintech è descritto come tecnologia che digitalizza o automatizza i sistemi finanziari tradizionali. Puoi trovare il suo utilizzo, dall’accesso ai tuoi conti bancari online al pagamento del tuo uber o all’investimento in bitcoin.

Il mercato globale del fintech valeva 127,66 miliardi di dollari nel 2018 e, con il 24% di CAGR, si prevede che raggiungerà almeno 309,98 miliardi di dollari entro il 2022.

Cos'è una visura castastale?

La visura catastale è un documento ufficiale nel quale vengono riportati i dati di un determinato bene immobile, terreno o fabbricato. Le informazioni identificano in modo univoco un immobile (garage, negozi, uffici, edifici, etc.) o un terreno.

Polizze vita o Fondi pensione: due forme previdenziali a confronto

I fondi pensioni e le polizze vita sono due colonne portanti del sistema previdenziale italiano che si abbinano spesso a quello pensionistico pubblico e che negli ultimi due anni hanno visto un incremento delle sottoscrizioni di circa il 5%. Oltre a costituire strumenti di risparmio, offrono sostegno, tutela e benefici fiscali ogni anno.

Sottocategorie

Orari

 Lunedì - Venerdì
 10.00 - 13.00
 14.30 - 16.30